lunedì

Il nuovo caso Messina? Comunicato di Fabio Repici


La mattina del 9 ottobre – solo sette giorni dopo il suicidio di Adolfo Parmaliana e le denunce sulla malagiustizia barcellonese e messinese da lui lasciate – la giunta distrettuale messinese dell’Associazione nazionale magistrati tappezzava i muri del palazzo di giustizia di Messina con un documento da basso impero (trasmesso, oltre che al Consiglio dell’ordine degli avvocati di Messina ed al Csm, anche ad un solo organo di stampa, il quotidiano Gazzetta del Sud, evidentemente eletto dalle toghe quale proprio “foglio” ufficiale) nel quale l’Anm lamentava che nella puntata di domenica scorsa della trasmissione “Blunotte” di Rai3 erano state mosse accuse generalizzate e infondate all’indirizzo dell’intera magistratura messinese. Nel documento venivo attaccato personalmente con nome e cognome (unica persona destinataria di così garbato trattamento) e, oltre all’attribuzione a me di affermazioni fatte da altri, venivo invitato a denunciare all’Autorità giudiziaria, pena lo screditamento della mia figura, fatti che in verità avevo denunciato tantissimo tempo fa.
Avuta notizia di quel documento, provvedevo a diramare una risposta, che correttamente veniva pubblicata sia dai giornali web messinesi normanno.it e tempostretto.it sia, il giorno successivo (10 ottobre), dalla Gazzetta del Sud.
L’equilibrio informativo evidentemente non è stato digerito da qualcuno. Fatto è che nella mattina dello stesso 10 ottobre si teneva una riunione di magistrati indetta dalla locale Anm, alla quale in verità presenziava solo una parte delle toghe messinesi. All’esito dell’incontro, veniva diramata dai vertici della magistratura associata una nota con la quale veniva comunicato che era stato dato mandato al presidente dell’Anm di sporgere querela nei miei confronti e che si era deciso di richiedere alla trasmissione “Blunotte” adeguato spazio per replicare alle accuse, ritenute infondate, relative alle deviazioni della giustizia a Messina.
Avuta contezza della nuova sortita dell’Anm, predisponevo un nuovo scritto di risposta, che inviavo nel tardo pomeriggio del 10 ottobre ai giornali web normanno.it e tempostretto.it (che avevano già pubblicato in rete le deliberazioni dell’Anm e che tempestivamente pubblicavano la mia nota) ed al cronista della Gazzetta del Sud, il quale ultimo, però, mi avvisava che probabilmente il suo giornale avrebbe preferito pubblicare solo la notizia dell’assemblea dei magistrati e che, nel caso, io il giorno dopo avrei avuto spazio per replicare.
Effettivamente, sabato 11 ottobre la Gazzetta del Sud dava conto delle iniziative dell’Anm (titolando anche sul preannuncio di querela contro di me) e ometteva ogni riferimento alla mia nota di replica. Conseguentemente, nel pomeriggio di quello stesso giorno inviavo a mezzo fax al direttore della Gazzetta del Sud una formale richiesta di replica, allegando una mia dichiarazione. Poco dopo, venivo contattato dal cronista che aveva firmato il pezzo uscito in mattinata: mi pregava di telefonare al suo direttore, che aveva da obiettare su un passo della mia dichiarazione, riguardante il Procuratore generale di Messina Antonio Franco Cassata. Chiamavo, così, Nino Calarco (direttore della Gazzetta del Sud dal 1968) ed egli mi segnalava che la mia nota poteva essere pubblicata per intero, ivi compresi i riferimenti a molti magistrati messinesi, ad eccezione delle parole riguardanti il dr. Cassata. Rispondevo a Calarco che si trattava di un’indebita censura e che era sgradevole che se ne rendesse autore proprio lui, dato che il dr. Cassata (testimoniando il 27 ottobre 2005 innanzi al Tribunale di Catania nel processo di mafia a carico di due noti magistrati messinesi) lo aveva in passato indicato come una delle tre persone di propria fiducia cui aveva consegnato un proprio memoriale riservato. Evidentemente non era stata una millanteria di Cassata: Calarco (sul cui giornale è editorialista di punta un collega d’ufficio di Cassata) è davvero ligio al ruolo di tutore del Procuratore generale di Messina. Ribadivo, comunque, fino al termine della telefonata, che io non intendevo ritoccare il mio comunicato.
Venivo richiamato dopo poco dal cronista della Gazzetta del Sud, che, in grande imbarazzo, mi supplicava di trovare una mediazione sul testo. Per non apparire chiuso al confronto (fermo restando che si trattava delle mie dichiarazioni e che, quindi, nessuno in teoria poteva aver qualcosa da obiettare), acconsentii a che venissero eliminate dal testo alcune aggettivazioni, senza però che si toccassero i nudi fatti resocontati nella nota. Venivo, però, ricontattato da quel cronista: il suo direttore non poteva e non voleva permettersi di scrivere nulla che riguardasse il dr. Cassata. Risposi come ognuno può immaginare.
Stamattina, come volevasi dimostrare, la Gazzetta del Sud ha censurato la mia replica all’Anm. I lettori hanno così potuto immaginare che l’aggressione fattami dall’Anm era fondata, non essendo stata da me contestata sulle colonne dell’unico quotidiano cittadino.
Aggiungo solo alcuni dettagli. Sulla Gazzetta del Sud di ieri è stata data notizie che il dr. Cassata è “un altro dei magistrati citato dal prof. Parmaliana nel memoriale”, di cui evidentemente la Gazzetta del Sud e qualcun altro indebitamente conosce il contenuto. Io non conosco il testo del manoscritto lasciato da Adolfo ma mi consta che accanto a quel documento si trovassero il vergognoso decreto di citazione a giudizio per diffamazione emesso contro di lui dalla Procura di Barcellona e la fotocopia dell’articolo, di matrice redazionale, pubblicato dalla Gazzetta del Sud scavalcando il cronista che si occupa della cronaca giudiziaria barcellonese. Il sig. Calarco è quel personaggio che ebbe l’impudicizia di affermare davanti alle telecamere che, “se la mafia è in grado di realizzare il ponte sullo stretto, allora benvenuta la mafia!”.
Questo è il clima alla periferia dell’impero. Fra malagiustizia e informazione asservita, cosa resta della democrazia?
Fabio Repici

4 commenti:

Adduso ha detto...

Lamafiadellostato

Non conosco personalmente l’Avvocato Repici, anche se ho seguito le sue “civili battaglie” attraverso internet e sui blog in cui gli è stato dato dello spazio, ed in ultimo nella trasmissione “blu notte”, a mio modesto avviso, una delle ultime rimaste che ancora LAMAFIADELLOSTATO non ha fatto chiudere.

Non posso che esprimere, da modesto cittadino quale sono, tutta la mia solidarietà all’Avvocato Repici, anche se, avendo una mia piccola esperienza quindicinale in trincea, credo (anche se spero fortemente di sbagliarmi) che questa sua battaglia è molto, molto difficile, perché non ho mai sentito dire e tanto meno mi risulta che mai nessuno l’abbia spuntato e neanche abbia resistito a lungo contro LAMAFIADELLOSTATO.

Purtroppo, in passato, a detta di tutti e notoriamente, una certa sinistra, invece di scontrarsi sul piano politico ed ideologico, per combattere l’allora democrazia cristiana e partito socialista, ha invece fatto un evidente patto con “il diavolo”, pensando poi di poterlo controllare. Gli effetti storici sono ben conosciuti. Però come in ogni film dell’orrore che si rispetti, il diavolo, adesso che è bello e forte, vuole le anime ed il controllo anche del paradiso e quel che mi pare oltremodo peggio a mio semplice vedere, nel frattempo si era anche segretamente, ma manifestatamente allineato con l’altra sponda del centro destra.

Non vorrei sembrare pessimista, ma non vedo alcuna via d’uscita da questo “recinto” in cui ci hanno chiusi e nel quale, va pure detto, tanti di noi cittadini ci stanno palesemente pure bene, perché a loro basta riempirsi brucando “erba”, anche se questa è irrigata con acqua di “mafia”.

Forse se ci fosse un fronte comune di più cittadini che però devono sapere chiaramente contro quale "mostro" si scontrano e soprattutto che possano avere la certezza di essere assistiti e sostenuti esistenzialmente ed economicamente nelle aule di tribunale contro lamafiadellostato, allora forse qualcosa si può sperare, diversamete è solo un tunnel che porta al suicidio o all’annichilimento personale e familiare, perché “loro” hanno licenza di uccidere per diritto costituzionale ed in nome del popolo italiano.

Adduso ha detto...

http://cosedicasanostra.blogspot.com/2008/10/lettera-al-ministro-ombra-della.html

Se c'impediranno pure questo, allora abbiamo chiaramente chiuso, come, purtroppo e vergognosamente, sta accadendo a Saviano.

L'Italia ... comincia a spaventarmi.

giugioni ha detto...

L'informazione in Sicilia è potere.Bravo Fabio, tieni duro

Anonimo ha detto...

Egregio Avvocato Fabio Repici, sono un cittadino barcellonese e, complimentandomi con Lei per tutta l'attività da Lei svolta in relazione al truce omicidio della povera Graziella Campagna, vorrei portare alla Sua attenzione alcune questioni prettamente "barcellonesi".
Mi chiedo perchè nè Lei, nè la sig.ra Alfano, nè Beppe Lumia (che ho votato senza possibilità di scelta visto il sistema elettorale vigente), che siete sempre stati molto attenti al caso "Barcellona" avete mai proferito una parola sulla mafia che esiste in questa città.
Vedo con grande rammarico che gli argomenti da Voi trattati l'unico interesse che suscitano è quello scandalistico, a prescindere poi dal contenuto effettivo.
Alla società civile non interessa delle guerre tra Procure, o degli scontri tra diverse correnti delle Associazioni di Magistrati, o dei pettegolezzi tra Comandanti di Stazione di Carabinieri e Pubblici Ministeri o degli scontri accesi(chissà per quali motivi) tra Avvocati e Procuratori Generali.
Purtroppo non ho mai sentito dire una parola sul racket delle estorsioni a Barcellona P.G., mai un accenno ai boss pluripregiudicati che girano tranquillamente per la città, nessun riferimento a gare di appalto o alla gestione della nettezza urbana.
non ho mai sentito niente di tutto questo.
evidentemente nessuno di voi vive sulle sponde del Longano e forse la signora Alfano ormai ha dimenticato come si vive nella nostra realtà.
La mafia a Barcellona P.G. è l'impossibilità per un commerciante di avviare serenamente un'attività se non previo pagamento di "imposte comunali"; la mafia a Barcellona P.G. determina il coprifuoco che vige dalle 21,00 in poi in tutto il centro storico; la mafia a Barcellona P.G. è l'assenza di qualsivoglia iniziativa culturale; la mafia a Barcellona P.G. è la necessità di avere una raccomandazione per fare un esame diagnostico in struttura sanitaria pubblica; la mafia a Barcellona P.G. è il terrore che si può avere se ad un incrocio protesti contro chi non ti da la dovuta precedenza e poi ti fa vedere la pistola; la mafia a Barcellona P.G. è lo spaccio di droga praticato anche in Piazza Duomo; la mafia a Barcellona P.G. è l'incursione violenta fatta nella sede di un circolo culturale.
Avv. Repici per concludere ritengo che la guerra tra le Istituzioni, che da molte parti si fomenta, si predica e si pratica, è il più gradito favore che si possa fare alla Mafia, quella vera.